Cosa cè dentro uno starter

Do you have a question? Post it now! No Registration Necessary

Translate This Thread From Italian to

Threaded View
Ciao,

cosa cè dentro uno starter per neon?

Grazie



Re: Cosa cè dentro uno starter
Moran ha scritto:

Quoted text here. Click to load it



Se ricordo bene c'è un piccolo condensatore ed una lampadina al neon.
Il tutto è in serie ai filamenti del tubo. Quando arriva corrente, la
lampadina si innesca e mette in corto due elettrodi. I filamenti si
accendono e si innesca anche il neon nel tubo. A questo punto la
lampadinetta non ha più la tensione necessaria e si spegne.

Giuliano
P.S. Ovviamente parlavo di starter "normali", e non elettronici.


--

questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad snipped-for-privacy@newsland.it



Re: Cosa cè dentro uno starter
JUL ha scritto:
Quoted text here. Click to load it
Se ricordo bene, non è una lampada al neon ma una "intermittenza"
racchiusa all'interno di un'ampolla di vetro. Infatti usavo gli starter
anche come intermittenze, ma con carichi di almeno 40 watt se ricordo bene.

Ciao.
Paolo

Re: Cosa cè dentro uno starter
PaoloS ha scritto:

Quoted text here. Click to load it


Beh, diciamo che è un bulbo ripieno di gas, che quando si innesca chiude
un contatto a causa del calore. Forse impropriamente l'ho chiamata
lampadina.

Giuliano


--

questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad snipped-for-privacy@newsland.it



Re: Cosa cè dentro uno starter

Quoted text here. Click to load it
chiamasi lamina bimetallica...che con l'effetto del calore si dilata e
provoca l'apertura del circuito.

Linus



Re: Cosa cè dentro uno starter
linus@ ha scritto:

Quoted text here. Click to load it

Attenzione, avete ragione entrambi. E' un bulbo al neon (non a
fluorescenza eh!) che contiene all'interno due elettrodi bimetallici che
sono normalmente aperti. Quando vi si applica un tensione
sufficientemente alta si innesca l'arco che eccita il gas emettendo
energia (luce + calore). Quando la corrente che vi scorre è
sufficientemente alta la temperatura raggiunge il valore critico che fa
piegare il metallo verso l'interno creando il cortocircuito.

Ho utilizzato questo effetto in un ampli a valvore per fare un po' figo.
:) Con la dovuta resistenza si riesce a limitare la corrente ad un
valore tale da non arrivare mai alla temperatura critica e quindi si
riesce ad emettere una bellissima luce fioca violetta! Non saprei dire
quando può "durare" un bulbo usato in tale maniera! Tanto per quel poco
che costano!

Re: Cosa cè dentro uno starter

Quoted text here. Click to load it

Non funzionano al contrario? Inizialmente chiusi poi il riscaldamento li
apre?

--

Franco

Wovon man nicht sprechen kann, darüber muß man schweigen.
We've slightly trimmed the long signature. Click to see the full one.
Re: Cosa cè dentro uno starter
Franco ha scritto:

Quoted text here. Click to load it



Non credo, altrimenti starter e filamenti rimarrebbero sempre accesi.

Giuliano



--

questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad snipped-for-privacy@newsland.it



Re: Cosa cè dentro uno starter
Franco ha scritto:

Quoted text here. Click to load it



Mi avevi fatto venire qualche dubbio, allora ho preso uno starter e lo
ho misurato con l'ohmetro. I contatti sono aperti.

Giuliano



--

questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad snipped-for-privacy@newsland.it



Re: Cosa cè dentro uno starter
Quoted text here. Click to load it

Anche io sapevo cosi', tanto e' vero che durante il
periodo che sono chiusi la corrente e' utilizzata per
preriscaldare i terminali del tubo e facilitare l'innesco
(lo starter e' in parallelo al tubo). Poi, aprendosi, si
genera la sovratensione dalla bobina che tenta l'innesco.


--
maitre Aliboron



Re: Cosa cè dentro uno starter
maitre Aliboron ha scritto:

Quoted text here. Click to load it


Ho appena aperto e fotografato il mio starter. Pregasi vedere allegato.

Giuliano




Guarda l'immagine cliccando http://attach.mynl.it/img?id=NjM5OA

--

questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad snipped-for-privacy@newsland.it



Re: Cosa cè dentro uno starter


Quoted text here. Click to load it

Non temere hai ragione.

Inizialmente aperto, poi chiuso, poi ancora aperto.

Il circuito E8% formato dalla serie del reattore, di uno dei filamenti
del tubo fluorescente, del contatto dello starter e infine dell'altro
filamento.
Il contatto E8% costituito da una parte fissa e da una parte in lamina
bimetallica deformabile dal calore, contenuta in una ampolla riempita
di gas neon.
La tensione di innesco del gas nell'ampolla deve essere inferiore a
quella di rete e superiore a quella di mantenimento del tubo
fluorescente.
Quando si applica tensione al circuito, praticamente tutta la tensione
di rete cade sul contatto aperto dello starter. Il contatto aperto
scarica e il calore generato della scarica scalda la lamina
bimetallica che si deforma e dopo un po' chiude il contatto. Quando il
contatto si chiude la scarica cessa e la lamina bimetallica comincia a
raffreddarsi. Durante la scarica la corrente E8% limitata un po' dal
reattore, ma principalmente dalla scarica stessa.
Mentre il contatto E8% chiuso, essendo di pochi volt la cdt sui
filamenti, quasi tutta la tensione di rete cade sul reattore che
satura (questo E8% il momento in cui lo si sente ronzare forte). La
corrente quindi E8% poco limitata e comunque abbastanza alta da scaldare
i filamenti del tubo fluorescente. Intanto che i filamenti si
scaldano, la lamina bimetallica nello starter si raffredda.
Quando la bimetallica si E8% raffreddata abbastanza, il contatto si
apre.
L'extra tensione generata dal reattore all'apertura del contatto dello
starter innesca il tubo fluorescente. Il reattore limita ancora la
corrente, ma a questo punto la tensione ai suoi capi, essendo da
dedurre quella che cade sul tubo innescato, non E8% piF9% sufficiente a
saturarlo. La corrente assume quindi un valore molto inferiore a
quella che era servita a scaldare i filamenti e tale da alimentare
correttamente il tubo.
Sul contatto aperto dello starter si presenta ora la tensione di
scarica del tubo, insufficiente a innescare il gas nello starter, la
lamina bimetallica rimane fredda e quindi il contatto rimane aperto.

Ciao.

lucky


Re: Cosa cè dentro uno starter

Quoted text here. Click to load it

Ecco com'era :)


Grazie, ho imparato una cosa che non sapevo.

--

Franco

Wovon man nicht sprechen kann, darüber muß man schweigen.
We've slightly trimmed the long signature. Click to see the full one.
Re: Cosa cè dentro uno starter

Nuova Elettronica riv.226 pag.80.. così, tanto per dire la mia.. :-).

Ciao Giuliano.. ;-)




Re: Cosa cè dentro uno starter
Quoted text here. Click to load it


Mica ricordi che valore aveva la resistenza?
Mi attizza molto, l'idea di una spia di un fioco color violetto... :-)

Fabrizio


Site Timeline